Presentazione del progetto

Il sito del Tribunale di Sorveglianza nasce dalla consapevolezza della circostanza che oggi la presenza su Internet della Pubblica Amministrazione è ritenuta condizione imprescindibile per realizzare un miglior rapporto con i cittadini.

Non vi è dubbio alcuno, infatti, che la pubblicazione di siti internet costituisca già da tempo in molti uffici giudiziari italiani un'opportunità offerta dalle nuove tecnologie per perseguire trasparenza, efficienza ed efficacia per l'intera struttura giudiziaria.

In siffatta ottica i vertici dell'Ufficio, nell'ambito del progetto "Best Practices - DIKE" di riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse - progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, con risorse del Fondo Sociale Europeo - , in collaborazione con i consulenti della società aggiudicataria del progetto e dei referenti della società sviluppatrice del portale, hanno ritenuto opportuno progettare un sito web autonomo.

Con la realizzazione di questo progetto vengono perseguiti i seguenti obiettivi:

  • creare una vetrina di informazione aperta a tutti i cittadini
  • fornire indicazioni sulle attività degli uffici
  • ridurre, in prospettiva, l'accesso di pubblico presso le Cancellerie
  • mettere i visitatori del sito in condizione di agevolare l'approccio ai servizi di base, fornendo indicazioni sulle procedure, sui costi e sulla modulistica
  • costituire un canale di comunicazione interna, destinato al Personale Amministrativo e ai Magistrati
  • ampliare la conoscenza interna dei flussi di lavoro e semplificare, ove possibile, le procedure, mediante un interscambio virtuoso di informazioni
  • garantire un servizio più efficace, sì da rispondere meglio alle esigenze della utenza

Il Tribunale di Sorveglianza, progettando un sito Internet, ritiene di avere intrapreso un percorso finalizzato a favorire la configurazione di un nuovo rapporto tra il cittadino e l'Amministrazione, rendendo altresì manifesta la funzione di servizio nei confronti dell'utenza che gli uffici giudiziari sono chiamati a rendere.